Ha solo un mese di vita “The Glossy Mag”, il blog della giornalista Francesca Succi, ma è già ricco di argomenti e spunti interessanti.

Proprio come l’autrice, il blog è frizzante, dinamico, leggero e molto piacevole; entrando, si viene letteralmente catapultati dentro il mondo, le passioni, la vita stessa di Francesca.

The Glossy Mag di Francesca Succi

The Glossy Mag di Francesca Succi

Racconti su avvenimenti quotidiani, riflessioni su temi di interesse generale, post di pura leggerezza completi di tanti contributi fotografici e poi l’occhio immancabile per il mondo della moda, passione e lavoro dell’autrice.

The Glossy Mag è tutto quello che un blog dovrebbe essere, senza contenere punte di presunzione ed arroganza (era ora!)

Francesca Succi descrive… Francesca Succi

Francesca SucciMi chiamo Francesca. Alla nascita questo non doveva essere il mio nome, ma quella peperina di mia zia ha stabilito così e i miei genitori le hanno dato ascolto. Ho letto da qualche parte che Francesca significa colei che possiede la forza. E allora questo nome mi si addice proprio!

L’animale che mi dovrebbe simboleggiare rappresenta la fierezza. Anche questa caratteristica mi appartiene. Sempre fiera di me stessa e delle persone che amo. Il vegetale che mi appartiene è la felce. Meravigliosa! Essa coincide con i buoni auspici. Di questi ne ho sempre bisogno. Il colore personale è il rosso. Ma io amo il rosa. Ogni giorno cerco di dipingere la mia vita di rosa. Materialmente e mentalmente.

Attenta all’azione, ai particolari, alla vita. Passionale per vivere i miei momenti e per gli altri. Per alcuni ho un carattere un pò oscuro, severo, inquieto, sfuggente e introverso. In realtà, sono attiva, mentale e passionale. Ho la tendenza a pensare troppo con susseguenti mal di fegato (che potrei evitare!).

La mia cerchia di amicizie non è ampia. Sono molto selettiva poichè sostenitrice dei miei luoghi comuni: meglio la qualità che la quantità. Questo sempre: nella vita, nel lavoro, nell’amore…

Di fronte ad un brutto scivolone e all’insuccesso, non mi scoraggio. Ho i miei momenti di sconforto, ma tendo a rialzarmi subito. Non amo la superficialità e chi fa di essa un modo per affrontare meglio il quotidiano.

Amo stare tra la gente, mischiarmi tra i passanti di una via larga e lunga. Però allo stesso modo tendo a rinchiudermi e percorrere strade strette e poco conosciute per momenti di riflessione.

Qualcuno mi ha detto che nella mia iperfemminilità ho una percentuale molto elevata di mascolinità. Nel mio carattere, solo. Forse è vero, e sicuramente mi è utile nei rapporti professionali con gli uomini.

In fin dei conti, tra pregi e difetti, ho un carattere di valore. Sono difficile, ma se condotta per mano posso donare il massimo. Fino alle stelle.”.

Conoscete il blog, conoscete l’autrice… Buona Lettura!